San Sperate Sardegna: info, news ed eventi del Paese Museo e delle Pesche in provincia di Cagliari e nel Sud della Sardegna

San Sperate tra tradizione agricola e arte contemporanea

Venti chilometri dividono San Sperate da Cagliari. Pochi per le auto d'oggi. Tantissimi, se si guarda la storia e le tradizioni. Due mondi che vengono da lontano, dalla notte della storia, ognuno nel proprio ruolo, che si sono sempre integrati, scambiandosi cultura a piene mani. Ma anche prodotti agricoli, che a San Sperate, per la sua particolare morfologia, piena d'acqua, crescono con particolare intensità. Insomma, un paese San Sperate, che è cresciuto nella pianura, pieno di biciclette, e di murales e di pesche. Pesche, tante pesche, da diventare il territorio che ne produce più in tutta la Sardegna, una coltivazione che non ha origini antichissime, è stata impiantata nel secondo dopoguerra, ma che si è radicata alla svelta, perché ha portato reddito e notorietà. Una naturale appendice è stata l'organizzazione, in Luglio, della Sagra della Pesche, chi non l'ha mai vista, s'è perso qualcosa, che è davvero l'estrema sintesi di questo prodotto, bello, polposo, buonissimo. E sociale.

Ma la pesca non è l'unica peculiarità di San Sperate, l'altra, incredibile, sono i murales. Tantissimi! Dappertutto. Disegni molto colorati, che rappresentano per lo più scene agricole, San Sperate è davvero un paese agricolo nel termine più nobile, ma anche di rievocazione, di cavalli, di buoi, a sfondo sociale, di rivendicazioni, che toccano in sostanza, la vita di tutti i giorni. Tanti murales, il primo, all'ingresso in paese, ha come oggetto, un ramo di bellissime pesche, e ricorda che San Sperate è un Paese Museo. L'avvio della tradizione di murales, anche in questo caso, è molto recente, nel 1968, sulla spinta di un artista del calibro di Pinuccio Sciola, venuto a mancare il 13 Maggio 2016, che ha portato l'idea di un'espressione sconosciuta in paese, «riqualificando», oggi si direbbe così, i muri delle case, vecchi e grigi. Dopo l'intervento di Sciola e dei suoi amici artisti, erano diventati bianchi come la calce, che era stata adoperata, pronti ad essere disegnati.

Ma che San Sperate sia un paese di tradizioni contadine lo rileva la cucina, i prodotti tradizionali, che sono, anche in questo caso, lo specchio della vita paesana. E non potevano mancare, con delle piccole variazioni, i tipici malloreddus con salsiccia, pasta arricciata e condita col pomodoro e basilico, i culirgionis, insomma i ravioli farciti, o le panadas, che esaltano la carne d'agnello e le patate. E poi i dolci, e poi i pani, come su coccoi e su civraxiu. Elencarli sarebbe davvero lungo. S'è detto della vocazione agricola di San Sperate, e quindi mai dimenticare di gustare il miele, la cui produzione di altissima qualità, è connessa con il crescente settore della floricoltura in serra.


Arte e tradizioni

L'architettura tradizionale di Casa Tola

La Casa Tola di San Sperate, così chiamata perché fu costruita su richiesta del Barone Tola, è un interessante mix tra le tradizionali case campidanesi realizzate in mattoni crude e lo stile architettonico neoclassico della seconda metà dell'Ottocento.

Scopri di più →
Eventi, feste e sagre

Corpus Domini di San Sperate: una festa tradizionale

Una delle festività più sentite dell'intera Sardegna è il Corpus Domini. Come a San Sperate, dove la prima domenica di giugno il "Paese Museo" viene addobbato a festa con decorazioni e fiori.

Scopri di più →
Arte e tradizioni

La tradizione delle ceramiche artistiche di San Sperate

San Sperate non è famoso soltanto per essere un Paese Museo e per le pesche: tra l'artigianato tipico spicca la lavorazione della ceramica artistica, con veri mastri ceramisti.

Scopri di più →
Partner

Matta Serramenti

Matta Serramenti
V. Monastir, 125 - 09026 SAN SPERATE (CA)
Tel. 070.9600301

Scopri di più →
Enogastronomia

Miele di San Sperate: un regalo della natura

Tra le eccellenze gastronomiche di San Sperate trova spazio anche il miele. Soprattutto quello di corbezzolo e la sapa.

Scopri di più →
Enogastronomia

I malloreddus con la salsiccia: una delizia del Basso Campidano

Una terra accogliente che conquista con le sue prelibatezze, il Basso Campidano e San Sperate. Ad esempio con i malloreddus con la salsiccia.

Scopri di più →
Arte e tradizioni

L'agricoltura a San Sperate: ieri, oggi e domani

Sacrificio, passione e segreti della coltivazione: San Sperate è uno dei centri agricoli più importanti della Sardegna. Tra pomodori, olive, cereali agrumi e, soprattutto, le pesche!

Scopri di più →
Partner

Equogas di Nicola Atzori

Equogas di Nicola Atzori
S.P. 4 - Km 7,350 - 09026 SAN SPERATE (CA)
Tel. 070/8009050

Scopri di più →
Enogastronomia

Pane, amore e... terra sarda

Una delle tipicità e delle eccellenze della Sardegna è il pane. Non fa eccezione San Sperate, nel Sud della Sardegna e in provincia di Cagliari: su coccoi, su civraxiu e su coccoieddu cun s'ou.

Scopri di più →
Arte e tradizioni

La Chiesa di San Giovanni, simbolo di San Sperate

La chiesa di San Giovanni Basttista di San Sperate è un mix di stili architettonici, con prevalenza dell'aragonese. Tra i monumenti da vedere, si trova poco fuori il centro abitato.

Scopri di più →
Enogastronomia

Panadas agnello e patate

Scopri anche a tavola il gusto unico della Sardegna con le panadas, uno dei piatti sardi più celebri e famosi. Anche nella variante sansperatina, con il ripieno composto da carne d'agnello e patate.

Scopri di più →
Partner

Fiori Garden di Fabrizio Fiori

Fiori Garden di Fabrizio Fiori
V. Nora, 16 - 09026 San Sperate (CA)
Tel. 393.1079659

Scopri di più →
Enogastronomia

San Sperate: delizie per tutti i gusti

A San Sperate si trovano ancora cibi e piatti genuini e tradizionali.

Scopri di più →